Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

410. Li sette sagramenti, tutt’e ssette

 

Peccato che li sette sagramenti
nun ziinantro1 che ssette, eh sor Felisce?
Ha ddetto Chiodo, che ssa cquer che ddisce,
ch’Iddio doveva fanne armanco venti.

 

Er battesimo intanto è ’na vernisce
che ccrope er guasto senza che tte penti:
è llui che cciarifà2 bbianchi e ’nnoscenti
come che la bbucata a le camisce.

 

Discessim’anzi3 jjermattina a Cchiodo,
lui che ssa ttutti cuanti sti segreti,
si sse potessi bbattezzà ccor brodo.

 

«Cor brodo nostro , stateve quieti»,
ciarispose4 l’amico sodo sodo,
«ma nno un cazzo cor brodo de li preti».

 

Roma, 12 febbraio 1832 - Der medemo

 




1 Non siano altro.

2 Ci rifà, ci ritorna.

3 Anzi dicemmo, ecc.

4 Ci rispose.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License