Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

412. Li sordati d’adesso

 

Da 1 c’a mmifratello in der cuartiere
je scappò vvia la bbotta a l’esercizzie,2
nun è ppiú omo; caca, tiè er braghiere,
e jje viengheno le literizzie.3

 

S’è ppresentato inzino ar Brigantiere:4
bbèccos’ha aúto?5 un cazzo: eh? cche ggiustizzie!
Ecco si cche vvor ffà er zudovere,
e sserví er Papa drento a le milizzie!

 

T’abbasti a ddí che in vita de Leone
pe arrivà in tempo un giorno a le parate
nun ce fesce nemmanco colazzione!

 

E accusí ppoi se premieno l’armate!
Disce: vatte a rrolà; ffussi cojjone!
Chi a Rroma vo ggodé s’ha da ffrate.

 

Roma, 20 febbraio 1832 - Der medemo

 




1 Di quando, dal tempo.

2 Gli esercizi.

3 Itterizia.

4 Brigadiere.

5 Avuto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License