Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

414. Er Presidente de l’urione1

 

Ma llustrissimo mio, cquà nun ce trovo
a llei de nun zentí c’una campana.2
Lei se vadi a informà pe bborgo-novo3
si cche ppelletta è sta vecchiaccia cana.

 

Che sse laggna?, che jj’ho ddetto ruffiana?
Sissiggnora, è rruffiana, è jje l’approvo,4
ché ppò stà ttistimonia Roma sana
si a ccasa sua c’è ssempre ggente ar covo.

 

E llei perché cquer giorno a la Ritonna5
disse mignotta a mmé? Me maravijjo!
Sta fica è ancora sana, e nnun se sfonna.

 

E ssi vvò er giuramento, io me lo pijjo,
ch’io zzitella ppiú de la Madonna,
perché llei, nun fussantro, ha ffatto un fijjo.

 

 26 giugno 1832 - De Pepper tosto

 




1 Rione. Roma si divide in quattordici Rioni, ciascuno de’ quali ha il suo Presidente di Polizia.

2 Non udire che una parte.

3 Via di Roma nel Rione di Borgo, presso il Vaticano.

4 Glielo provo.

5 Sulla piazza del Panteon.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License