Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

415. A mmimojje ch’è nnata oggi,
e sse chiama come che la Madonna

 

Ber vive1 a ffuria de slongà la zampa,
e a la bbotte dell’antri èsse immriaca!
Ma er verbo arigalà,2 sora sciumaca,3
mo nun sta ppiú in gnisun libbro de stampa.

 

Antro che cchi ha ppiselli4 adesso campa:
chi nun ce ll’ha caca de magro, caca.
Er zor Donato è mmorto;5 e, si ddio scampa
s’ha da , sto da 6 ssa de triaca.7

 

Oggi è la festa vostra? Ebbè ppe cquesto
m’averìa da impegnà lle mmannoline8
pe ffà un rigalo a vvoi? Sicuro, è llesto!

 

Nu lo sapete che sse sta ar confine?
Duncue Iddio ve dia bbene, e ppoi de resto
millantanni e antrettante cuarantine.

 

Roma, 15 agosto 1832Der medemo

 




1 Bel vivere.

2 Regalare.

3 Ciumaca, termine carezzativo.

4 Danari.

5 Proverbio.

6 Si ha da dare, questo dare, ecc.

7 Teriaca.

8 Mandoline, per genitali.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License