Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

423. L’Anno-santo

 

Arfine, grazziaddio, semo arrivati
all’anno-santo! Alegramente, Meo:1


er Papa ha spubbricato er giubbileo
pe ttutti li cristiani bbattezzati.

 

Bbeato in tutto stanno chi ha ppeccati,
ché a la cuscenza nun je resta un gneo!2
bbasta nun èsse ggiacobbino o ebbreo,
o antra razza de cani arinegati.

 

Se leva ar purgatorio er catenaccio;
e a l’inferno, peccristo, pe cquestanno
pôi , ppôi , nun ce se va un cazzaccio.

 

Tu vvà’ a le sette-cchiese3 sorfeggianno,
méttete in testa un ’ de scenneraccio,
e ttienghi er paradiso ar tu’ commanno.

 

Terni, 7 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Bartolommeo.

2 Neo.

3 Visita di sette chiese privilegiate, rimunerata dai Papi con infinite indulgenze.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License