Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

424. Er fumà

 

Ma cche tte fumi, di’, sia mmaledetto:
hai la faccia color de Monte-Mario,1


tienghi, peccristo, scerte2 coste in petto
da mettele pe mmostra in zur Carvario:

 

pesi quattr’oncia meno d’un canario,
e nun hai carne d’abbastà a un guazzetto;
e ttutto er zanto ggiorno cor zicario,3
da cuanno t’arzi inzino ch’entri a lletto!

 

Senza contà che a tté co sto porcile
te puzzeno, per dio, sino li peli:
vôi fini li tu’ ggiorni in marzottile?4

 

Mazzato!, eh llassa er fume de la pippa
a sti frati futtuti d’aresceli,5
che ttiengheno un mascello in de la trippa.

 

Terni, 7 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Il già Clivus Cinnae, detto oggi Monte-Mario, da un Mario Millini che vi possedeva una villa. Esso è composto di giallastri relitti marini.

2 Certe.

3 Sicario per «sigaro» o «zigaro».

4 Mal sottile.

5 Gli zoccolanti di S. Maria in Aracoeli, nell’antico luogo di Giove Capitolino sul Campidoglio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License