Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

427. Er decoro

 

Pussibbile che ttu cche ssei romana
nun abbi da capí sta gran sentenza,
che ppe vvive in ner monno a la cristiana
bisogna lascià ssarva l’apparenza!

 

Co cche ccore, peddìo!, co cche ccuscenza
vôi portà scritto in fronte: io pputtana?
Nun ze ffa lle cose co pprudenza?
Abbi un po’ de ggiudizzio, sciarafana.1

 

Guarda Fra Ddiego, guarda Don Margutto:
c’è bbarba-d’-omo che nne ddí ggnente?
Be’, e la viggijja magneno er presciutto.

 

Duncue sta verità tiettela a mmente
che cquaggiù, Checca mia, se ffà ttutto,
bbasta de nun scànnolo a la ggente.

 

Terni, 8 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Ciarafana (c striscicato), cioè: «stolida, baccellona».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License