Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

429. Una spiegazzione

 

Pe ccapí mmejjo, tu gguarda Cremente
cuanno, incartato er lardo, sce pilotta1


l’abbacchio,2 er porco, o llantra carne gliotta,3
perché se cosci4 e nnun resisti ar dente.

 

Er lardo acceso sbrodola e bbarbotta5
mannanno in giù ttante goccette ardente,
che, una cquà, una llà, ttutte uguarmente
vanno a investí la carne, inzin ch’è ccotta.

 

Cuest’è una cosa chiara più dder vetro,
e nnun ce er ciarvello d’un oracolo
pe ssciferalla e nnun rimàne6 addietro.

 

Bbè, lo Sspiritossanto pe mmiracolo
se ne scenze7 accusí ssopra a Ssampietro
e all’apostoli sui drento ar Cenacolo.

 

Terni, 8 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Dal verbo pillottare: ci pillotta.

2 Agnello da latte.

3 Ghiotta (jotta).

4 Si cuoccia, ecc.

5 Borbotta.

6 Rimanere.

7 Scese.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License