Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

11. Pio Ottavo

 

Che ffior de Papa creeno! Accidenti!
Co rrispetto de lui pare er Cacamme.1


Bbella galanteria da tate e mmamme
pe ffà bbobo a li fijji impertinenti!

 

Ha un erpeto pe ttutto, nun tiè ddenti,
è gguercio, je strascineno le gamme,
spènnola2 da una parte, e bbuggiaramme3
si4 arriva a ffà la pacchia5 a li parenti.

 

Guarda llí cche ffigura da vienicce6
a ffà da Crist’in terra! Cazzo matto
imbottito de carne de sarcicce!7

 

Disse bbene la serva de l’Orefisce
quanno lo vedde8 in chiesa: «Uhm! cianno9 fatto
un gran brutto strucchione10 de Pontefisce».

 

aprile 1829

 

 




1 Autorità ebraica in Ghetto.

2 Pende.

3 Buggerarmi.

4 Se.

5 Stato comodo e ricco senza pensieri.

6 Venirci.

7 Salsicce.

8 Vide.

9 Ci hanno.

10 Uomaccione mal tagliato.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License