Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

432. Un bonavviso

 

Che cchi ha dduspalle come un zoccolante
se fregassi magara un monistero,
nun c’è da repricà nemmanco un zero,
e cchi disce er contrario è un ignorante.

 

Ma cche un stuppino sii tanto arugante,1


un reduscelli,2 un sbusciafratte3 vero,
senza un’oncia de fedigo4 sincero,
jaffetterebbe5 er collo cor trinciante.6

 

Cueste cquà nun mmiffe7 ch’io t’appoggio:
tu sseguita sta strada, e a la bbonora
si er beccamorto nun te l’alloggio.

 

Co cquella scera-vergine8 c’accora
tu intígnete a ssonà ssin che l’orloggio
batti er tocco pe tté dell’urtimora.

 

Terni, 9 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Arrogante.

2 Re-duccelli: piccolissimo uccellino.

3 Sbucafratte: lo stesso.

4 Fegato.

5 Gli affetterei.

6 Specie di coltello romano.

7 Menzogna.

8 Cera-vergine (la c strisciata).

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License