Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

437. L’anima bbona

 

Jèso,1 che sproscedato!2 e cchi ttinzegna
de tienemme sta sorte de discorzi?
sempre me bbatti llí a lo sticcalegna!3
Lui me fregò perché nun me n’accorzi.

 

Ma ssò ffijjanorata, e nu lo vorzi
mai perdonà de stazzionaccia indegna:
eppoi, vacce a ssentí la mi’ madregna
si cquanno lo capii guasi me morzi.

 

Ma nnò vvia, Toto mio; perché una donna
cuanno s’arza la vesta a un ammojjato
fa ppiagne in paradiso la Madonna.

 

Oh, , a le curte, pena vorta o ddua,
senti, io lo : ma intenno ch’er peccato
vadi a ccascà su la cuscenza tua.

 

Terni, 10 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Gesù.

2 Libero nel parlare.

3 Tagliator di legna, che va a Roma cercando affare con la scure in collo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License