Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

438. Antri tempi, antre cure, antri penzieri

 

Allora, allora! Allora ero un bardasso1


che tte credevo, e tte vienivo appresso.
Passò cquer tempenèa,2 Briscida: adesso,
fijja, tturco3 ppiú de san Tomasso.

 

E ttu tte credi de portamme a spasso
co le chiacchiere tue? De llí a un cipresso!4
Io nun vojjo ppiú gguai: me chiamo ggesso,
cor una mano scrivo e un’antra scasso.5

 

Che sserve mo de sciancicà6 un abbisso
de paternostri, e dde portatte addosso
’na frega de corone e ’r croscefisso?

 

Nun ze sapessi7 mai c’ar gallo-rosso8
te pijjassi9 cuer po’ dde stoccafisso,10
eppoi cacassi11 dustronzi coll’osso!12

 

Terni, 10 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Fanciullo.

2 Proverbio.

3 Incredulo.

4 A un dipresso: modo irrisorio.

5 Modo proverbiale.

6 Ciancicare: masticare.

7 Non si sapesse.

8 Insegna d’osteria.

9 Prendesti.

10 Stokfish: «stoccafisso, pesce affumicato»; qui in senso equivoco.

11 Cacasti.

12 Due bambini.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License