Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

443. Li parafurmini

 

Che ssò sti parafurmini der cazzo,
ste bbattecche1 de ferro de stivale,2
che vvanno a inarberà mmó co le scale
su ’gni cuppola e ttetto de palazzo?

 

A mmé mm’hanno inzegnato da regazzo,
cuanno er diavolo smove er temporale,
a ddí er disaggio angelico,3 che vvale
ppiú de ste bbuggiarate da pupazzo.

 

Duncue sti fijjacci de puttane
ne vonno sapé ppiú cco le su’ Sette
de chi ha inventato er zon4 de le campane!

 

Nun ce le campane bbenedette
pe llibberà le frabbiche cristiane
da lampi, toni, furmini e ssaette?

 

Terni, 11 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Bacchette.

2 In via di spregio.

3 Trisagio angelico.

4 Suon.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License