Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

453. Li spiriti

Sonetti 5

 

L’anno che Ggesucristo o er Padreterno
cacciò cquelangelacci mmaledetti,
tanti che nun agnédero1 a l’inferno
rimàseno pellaria su li tetti.

 

E cquesti li spiriti folletti,
che pper lo ppiú se senteno d’inverno
le notte longhe: e a cchi ffanno dispetti
e a cchi jje cricca2 fanno vince un terno.3

 

Tireno le cuperte e le lenzola,
strisceno le sciavatte pe la stanza,
e ppareno4 una nottola che vvola.

 

De le vorte te soffieno a l’orecchie,
de le vorte te gratteno la panza,
e ssò nnimmichi de le donne vecchie.

 

Roma, 16 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Andarono.

2 Va a capriccio.

3 È volgare opinione che gli spiriti diano i numeri pel lotto.

4 Paiono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License