Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

455. Li spiriti

(vedi il )

 

Tu cconoschi la mojje de Fichetto:
bbè, llei ggiura e spergiura ch’er zunonno,
stanno una notte tra la vejj’e ’r sonno,
se sentí ffà un zospiro accapalletto.1

 

Arzò la testa, e nne sentí un siconno.
Allora lui cor fiato ch’ebbe in petto
strillò: «Spirito bbono o mmaledetto,
di’ da parte de Ddio, che ccerchi ar Monno?».

 

Disce: «Io millanni addietro era Bbadessa,
e in sto logo che stava er dormitorio
cor un cetrolo2 me sfonnai la fessa.

 

Da’ un scudo ar piggionante, a ddon Libborio,
pe ffamme li sorcismi3 e ddì una messa,
si mme vôi libberà ddar purgatorio...».

 

Roma, 17 novembre 1832 - Der medemo

 




1 A capo al letto.

2 «Cetriuolo» o «citriuolo».

3 Gli esorcismi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License