Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

457. Li spiriti

 

Burlàtemesce, , ccari coll’ogna:1


voantri fate tanto li spacconi,2
e cquanno semo a l’infirzà un’assogna3
poi se manna in funtana li carzoni.

 

Nun è mmica un inguento pe la rogna4
quer vedé un schertro in tutti li cantoni:
cquà tte vojjo: a cciarlà ttutti bboni,
ma bbisogna trovaccese bbisogna.

 

So cche da quella sera de la sbiossa5
ancora sto ppijjanno corallina,6
e nnun m’arreggo in piede pe la smossa.7

 

E cquanno penzo a rritornà in cantina,
me sento li gricciori ggiú ppellossa,
me se fanno le carne de gallina.

 

Roma, 22 novembre 1832 - Der medemo

 




1 L’equivoco dell’ogna, che in romanesco vuol dire unghie, cade in ciò, che aggiunto quel vocabolo a caro, forma la parola carogna.

2 Rodomonti, bravi.

3 Sugna.

4 Modo proverbiale: «Non è già una delizia ecc.».

5 Paura, accidente terribile.

6 Medicina contro le verminazioni intestinali.

7 Mossa, diarrea.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License