Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

461. La partita a carte

 

Arigalata, eccí!1 cche bber rampino!2
Vedi un po’ de vennécce3 er zol d’agosto!4
Tu mmó a sto ggioco sce fai tanto er tosto,5
e nu la vôi capí cche ssei schiappino.6

 

Inzomma è ppatto-fatto c’a ’gni costo
hai da vince ogni sera er tu’ lustrino.7
Ma nun zai stacce un cazzo ar tavolino.
ar muricciolo,8 , quello è ’r tu’ posto.

 

Guarda io,9 che cco ttutta la mi’ jjella10
pago com’un zignore la mi’ pujja
senza d’ariscallamme le bbudella.

 

E nun ccom’e tté ttutta sta bbujja,11 che appena vedi un de svenarella,12
te bbiastími13 er pastèco e lla lelujja.14

 

Roma, 19 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Suono derisorio dello starnuto.

2 Pretesto, cavillo.

3 Venderci.

4 Proverbio.

5 Il bravo.

6 Principiante, inabile.

7 Mezzo paolo d’argento, detto anche grossetto.

8 Giuocator da murelli per le pubbliche vie.

9 Guarda come io, ecc.

10 Disgrazia ostinata.

11 Buglia.

12 Perdita lenta e continua.

13 Bestemmi.

14 Pax tecum; alleluja.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License