Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

463. Sesto nun formicà1a

 

Te laggni che ttumojje te tormenta
e abbraccichi1 la notte un zacco-dossa!
Tu ffajje sbucalà2 menacqua rossa,3
tiettel’a ccasa, e mmettela a ppulenta:4

 

eppoi vedi, peddìo!, si tte diventa
com’una vacca o ’n’antra bbestia grossa,
e ssi in nell’atto de dajje4a la sbiossa5
ce senti entrà l’uscello che cce stenta.

 

Grasse o ssecche, lo so, ssempre ssciape
le mojje appett’a un po’ de puttanella:
ma pe cqueste sce ffette de-rape.6

 

Tratanto, o ssecca o nnò, ttumojje è bbella;
e ssibbè6a cche un po’ ccommido sce cape,
Titta, da’ ggrolia7 a ddio, freghete cuella.

 

Roma, 19 novembre 1832 - Der medemo

 




1a Sesto precetto del Decalogo: «Non fornicare».

1 Da abbraccicare, cioè «abbracciare».

2 Votar boccali.

3 Vino.

4 Comunissima usanza di chi vuole ingrassare.

4a Darle.

5 Assalto.

6 Piastre, le quali monete per la figura e colore somigliano ecc.

6a Sebbene.

7 Gloria.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License