Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

469. L’incrinnazzione

 

Sèntime: doppo er Papa e ddoppo Iddio
cquer che mme sta ppiú a ccore, Antonio, è er pelo:
per cquesto cquà nun so nnegatte1 ch’io
rinegheria la lusce der Vangelo.

 

E ssi dde donne, corpo d’un giudio!,
n’avessi cuante stelle che ssò in celo,
bbasta fussino bbelle, Antonio mio,
le voría rrestà tutte de ggelo.2

 

Tratanto, o per amore, o per inganno,
de cuelle c’ho scopato, e ttutte bbelle,
ecco er conto che ffo ssino a cquestanno:

 

trentasei maritate, otto zitelle,
diesci vedove: e llantre che vvieranno
stanno in mente de Ddio: chi ppò sapelle?3

 

Roma, 21 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Negarti.

2 Far restar di gelo, gelare, cioè: «ammaliare, istupidire, rendere inabile a difesa o resistenza».

3 Saperle.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License