Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

470. La sposa1

 

Eppuro, avanti a tté, ccore mio bbello,
sibbè cche ssana nun me ciai trovata,
gnisunantro m’ha ffatto er giucarello
e ècchete la cosa com’è annata.2

 

Un giorno in d’un ortaccio a Mmarmorata,
pe ccure3 appresso a un maledettuscello,
scivolo:4 un pass’in farzo, una scossciata,
’na distrazzion de nerbi…,5 ecco er fraggello!6

 

Pe ffatte vede7 che nun bbuscíe,
te dico che ffu ttanta la pavura,
che m’agnédeno8 via le cose mie.9

 

Eppoi me parena caricatura
sto sano o rotto, e ste cojjonerie:
io ciò er buscio? e ttu er cazzo che l’attura.

 

Roma, 21 novembre 1832 - Der medemo

 




1 (Colla o chiusa).

2 Andata.

3 Correre.

4 Sdrucciolo.

5 Una distorsione di nervi.

6 Ecco il gran caso!

7 Per farti vedere.

8 Andarono.

9 I mestrui.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License