Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

480. L’appiggionante de

 

Uhm, ce penzerà llui. Io je lo predico:
«Nun pijjà le pedate, Andrea, de tanti
che mmó vviengheno : nun l’eredico:
bburla li fanti e llassa stà li santi».1

 

Ebbè, che ffò? Me sfedico me sfedico,2
e llui sagrata3 peggio, e ttira avanti.
E ssemo a un punto ch’er curiale e ’r medico
nun ce vònno avé ppiú pe appiggionanti.

 

E indove trovo un’antra stanzia sfitta
c’abbi loco, cammino e ssciacquatore
come ciò pe ssei giuli in sta suffitta?

 

Ecco cosa ddí un biastimatore!
Dijje tu cquarche ccosa; e ffallo, Titta,
rifrette a la cuscienza e a l’esattore.

 

Roma, 24 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Modo proverbiale.

2 Mi sfegato: mi affanno.

3 Bestemmia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License