Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

481. Tant’in core e ttant’in bocca

 

Nun ze disce pe ddí, se fa pe un detto,
dico... se sa si ccome le cose:
le regazze... héhé..., cquer fasse spose!...1


Eppoi, dico, ch’edè? l’ha ttrovi a lletto?

 

Disce: Ma!... che vvôi ma? Cquantar zoggetto...
crederia... Tutti ggià ffanno scimose,2
dico, ma in fin de fine... Eh? c’arispose?
Arispose... Ma pparla pe ddispetto.

 

Per fijjo mio, nun fo pe ddí, lo sai
si ppò ttrovà... Magara la lasciassi!
Ma mme caschi la lingua, si jj’ho mai...

 

Oh cquesto no: perché... de che sse lagna?
Disce: Sta ssola! e llei nun ce la lassi:
chi er cane nu lo ttienghi la cagna.3

 

Roma, 24 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Coll’o chiuso.

2 Far cimose (c strisciato), aggiunger lana al drappo, vale: «dir più del vero».

3 Modo proverbiale.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License