Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

483. Li preti a ddifenne1

 

Parlo latino? Te l’ho ddetto gglieri,2
e bbisogna che mmó tte l’aripeti?
A mme nun me mmale de li preti;
o ddiventamo dunimmichi veri.

 

Saranno paggnottanti,3 culattieri,4
ladri, canajja, e cquer che vvôi; ma cquieti:5
noi nun dovemo entracce in sti segreti,
e ttutti hanno da li su’ mestieri.

 

Senza tante raggione che mme porti,
noi avemo da véde e stacce zitti,
amalli vivi, e rrispettalli morti.

 

Ciài da cavamme fora antri delitti?
Ebbè ssi vvanno co li colli storti,6
nun potranno portà li colli dritti.

 

Roma, 25 novembre 1832 - Der medemo

 




1 I preti a difendere, cioè: «I preti difesi».

2 Ieri.

3 Parassiti.

4 Sodomisti.

5 Imperativo, vale: «zit! silenzio!».

6 Collitorti: ipocriti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License