Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

491. Er falegname

 

Cquà, ragazzino, alò, ppijja er martello,
le tenajje, la sega, ducodette,
li rampini, li chiodi, le bbollette,
la pianozza, la squadra e lo scarpello.

 

Mettece l’ascia, le lime, l’accette,
la raspa, er piommo, er trapano, er trivello,
duvite, una strettora, er callarello
de la colla, lo stucco, e un par de fette.1

 

E annamo a vvisità sto corritore
che mmette tra la cchiesa e ’r rifettorio,
dov’è entrato de notte er confessore.

 

Ma ppoi? c’è llorto, er tetto, er parlatorio,
le cantine, er cammino, er cacatore,
e, cchi cce rrugà,2 ppuro er cibborio.

 

Roma, 26 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Tavole greggie.

2 Chi più ne volesse, chi facesse opposizione, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License