Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

495. Er portogallo

 

«Cuanno ho pportato er cuccomo ar caffè,
mamma, llà un omo stava a ddí accusí:
er Re der portogallo mmorí
per un cristo c’ha ddato in grabbiolè.1

 

Che vvò ddí, Mmamma? dite, eh? cche vvò ddí?
Li portogalli2 puro ciànno er Re?
Ma allora cuelli che mmagnamo cquì,
indove l’hanno? dite, eh, Mamma? eh?»

 

«Scema, ppiú ccreschi, e ppiú sei scema ppiú:
er portogallo è un regno che sta llà,
dove sce regna er Re che ddichi tu.

 

Ebbé, sto regno tiè sto nome cquà,
perché in cuelli terreni de llaggiú
de portogalli sce ne a ccrepà».3

 

Roma, 27 novembre 1832

 




1 Veramente don Michele di Braganza si offese molto per una caduta di cocchio.

2 Cedri, aranci.

3 A crepapelle.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License