Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

497. Er tempantico

 

Gran tempantico! e llommini de cuello,
chi le cose sa bbene misuralle,
ciaveveno sciarvello1 in de le palle2
più cche nnoi de talento in der ciarvello.

 

Nun fussantro, per dio, cuelluso bbello
de sparagnà li muli in de le stalle,
e pportà lloro er Papa su le spalle!
Vôi ppiú bbellinvenzione, eh, Ghitanello?

 

De cazzi c’a sti tempi a li cristiani
je saprebbe viení sta fantasia,
a sti tempi de bbirbi e cciarafani!3

 

E vva4 stusanza si cche usanza sia,
che in quelli siti llà ttanti lontani
l’ha ccopiata er Granturco de Turchia!

 

Roma, 27 novembre 1832

 




1 Cervello.

2 Genitali.

3 Imbecilli.

4 E vedi ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License