Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

13. Nunziata e ’r Caporale;
o Contèntete de l’onesto

 

Titta, lasseme annà: che!, nun te bbasta
de scolà er nerbo1 cincue vorte e mezza?
’ un bascio? tiello:2 vôi n’antra carezza?...
Ahà! da capo cor tastamme! oh ttasta.

 

Ma tte stai fermo? Mica dde pasta,
ché mme smaneggi: mica mmonnezza.3
Me farai diventàna pera-mezza!4
Eppuro te n’ho data una catasta!5

 

E per un giulio tutto sto strapazzo?
Ma si mme vedi ppiú pe ppiazza Sora6...
Oh vvia, famme cropí, cc’ho ffreddo, cazzo!

 

Manco male! Oh mmó ppaga. Uh, ancora tremo!
Addio: lasseme annà a le cuarantora,7
e öggi,8 si Ddio ,9 cciarivedemo.

 

Roma, 14 febbraio 1830 - Der medemo

 

 




1 Nervo, per pène.

2 Tienilo.

3 Immondezza.

4 Mézza, colle due z aspre: cioè Pera vizza.

5 Una quantità grande.

6 Il palazzo già dei Duchi di Sora serve oggi di caserma.

7 La esposizione pubblica e continua della Eucaristia in tante chiese a ciò destinate. Le donne, di qualunque natura, sono divotissime di questa funzione.

8 Oggi significa sempre: dopo il pranzo.

9 Cristiana uniformazione alle disposizioni del Cielo sugli eventi futuri, che le buone genti di Roma non pretermettono mai parlando di azioni che meditano.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License