Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

506. Nissuno è ccontento

 

Che nnova sc’è? nnun te l’avevo detto?
Nun ancora le bbujje1 terminate,
c’ariecchete stantre chiacchierate2
contro de sto governo poveretto.

 

Nun potenno ppiù avé cquadrini in Ghetto,3
pe ppareggià l’introito co l’entrate
voleveno aristrigne le mesate;
e ttutti s’arivorteno ar proggetto!

 

E ddisceveno jjeri scerti tali:
«Perché a nnoantri soli sto bber fatto,
e sse pagheno poi li cardinali?».

 

Ma cchi pparla a sto modo è un cazzo-matto;
e averíano d’intenne stanimali
che cquella llí nun è mmesata: è ppiatto.4

 

Roma, 28 novembre 1832

 




1 Romori liberali dell’anno 1831.

2 Richiami, critiche, ecc.

3 Ricinto degli Ebrei. Vedi su questo fatto i sonetti

4 Nome della paga cardinalizia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License