Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

508. Er pittore de Sant’Agustino1

 

Che spesce t’ha da che sto scoparo
de pittore che ttiè cquelarzenale
de ritratti, in un’ora o ar più in un paro
te fa ssenza vedello un cardinale?!

 

Pe cquesto abbasta de pijjà un zomaro
e ddipignelo doppo ar naturale,
e tte pianti addrittura in un telaro
tutt’er Zagro Colleggio tal’e cquale.

 

Le Minenze e li ciucci, ecco er motivo,
tutti cuanti de l’istessa scòla
e nnissuno sa ddi ssi è mmorto o vvivo.

 

ll’uni e llantri una sarciccia2 sola:
ccome la cannella e ’r lavativo:
una spesce de Cola e mmastro Cola.

 

Roma, 29 novembre 1832

 




1 Sulla piazza di Sant’Agostino dimorava un pittore, celebre per grossolani ma somigliantissimi ritratti.

2 Salsiccia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License