Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

509. Tutt’una manica1

 

Er Tesoriere disce ar Cammerlengo:
«Cuesta è ffaccenna mia; nun tocc’a llui».
Cuello arisponne: «Io saddove lo tiengo?
Cuesti ddritti mii; nun lli sui».

 

Poi viè er Vicario, un antro majorengo,2
e ddisce: « è ttutto nullo; io nun ce fui».
E accusí, co sto vado e cco sto viengo
tu nun zai come l’affari tui.

 

Cqua inzomma se spartischeno la cappa
de Cristo; e ppoi che sse la indivisa,3
se la tira un coll’antro e sse la strappa.

 

Ma ttuttinzieme poi peleno er tordo:
e in cuesto li pòi lladri de Pisa4
che a bbuggiarà cchi vviè vvanno d’accordo.

 

Roma, 29 novembre 1832

 




1 Tutti eguali.

2 Persona costituita in grado maggiore.

3 Divisa.

4 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License