Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

513. Li gusti

 

Nun c’è ggusto ppiù mmejjo che, cquannardi
de sete, d’annà a bbeve un fujjettino.1


Io bevo poi dar ddellarba2 inzino
la sera a mmezzanotte e un po’ ppiú ttardi.

 

E mmetterebbe er culo in zu li cardi
prima c’arinegà3 cquer goccettino.
Senz’acquasanta , ma ssenza vino...
ma ssenza vino io?! Dio me ne guardi!

 

Nun avessi Iddio fatto antro che cquesto,
saría da ringrazziallo in ginocchione,
e dda mannà a ffà fotte tutto er resto.

 

Bbasta de nun uscí ttanto de sesto.
Si è ppeccato er pijjasse un pelliccione
è ppeccato ar piuppiú llescito e onesto.

 

Roma, 29 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Diminutivo di foglietta: misura di vino.

2 Dal primo albore.

3 Rifiutare, far torto a, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License