Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

517. La bbonifiscenza

 

Sussidj dar Curato?! eh, Nanna!, penza
che cquanno sciannò1 jjeri mi’ marito
a ppiagne, cuer cristiano imbastardito,
cuer corpaccio satollo ebbe cuscenza

 

d’arisponneje: «Hai letto l’indurgenza
fijjo, ch’er Zanto padre scià2 arricchito
chi ppentito contrito e cconvertito
diggiunerà pe ssanta penitenza?».

 

Ma nun ccose da svejjatte er vommito?
Da pijjà un’arma, e a stanime de cane
fajje, pe ccristo, mozzicasse er gommito?3

 

Duncue, cuanno la sera a nnoi sce4 tocca
sentí li fijji a ddomannacce5 er pane,
che6 jje mettemo, un’indurgenza, in bocca?

 

Roma, 30 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Ci andò.

2 Ci ha.

3 Fare altrui mordersi il gomito, vale: «prendere vendetta, farlo per dolore, prorompere in crudeli e difficili atti contro se stesso».

4 Ci.

5 Dimandarci.

6 Cosa. Pronunziata con vigore.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License