Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

519. La povera madre

 

Che mm’è la vita, da che sta in esijjo
cuellinnoscente der marito mio!
perché sto ar monno e nnun m’ammazza Iddio
mo cche ssò ssola e cche mm’è mmorto er fijjo?

 

Ah Vvergine Mmaria der bon conzijjo,
mamma, nun m’abbadà: ché nun io,
è er dolore che pparla: ah! nnun io
si cco la Providenza io me la pijjo.

 

Llà Ggiggio mio ggiocava: in cuesto loco
me se bbuttava ar collo: e cqui l’ho vvisto
a sparimme davanti a ppoco a ppoco!

 

Cosa saranno le smanie de morte!
Chi ppò ddí la passion de Ggesucristo,
si er dolor d’una madre è accusí fforte!

 

Roma, 30 novembre 1832 - Der medemo

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License