Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

520. La povera madre

 

Via, via da ste fasce e ste lenzola
che ccinvortavo la speranza mia:
fuggite tutticuanti, annate via,
e llassateme piagne da me ssola.

 

Nun posso ppiú: me se serra la gola:
nun zo1 ssi er core... più in petto... sce sia...
Ah Ddio mio caro!... ah Vvergine Mmaria!...
lassateme ancora... una parola.

 

Come tu da la crosce... o Ggesú bbono...,
volessi perdonà... ttanti nimmichi…,
io... nun odio li mii... e li perdono.

 

E... ssi in compenzo..., o bbon Gesù... tte piasce...
de sarvà Ccarlo mio..., fa’ cche mme dichi...
una requiameterna... e vvivi in pasce.

 

Roma, 30 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Non so.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License