Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

522. Er sede1

 

Una vorta le cchiese, Angelo mio,
tuttecuante ciaveveno li bbanchi:
ma mmó bbisogna c’arincreschi2 a Ddio,
perché ttrovi cqua e llà li muri bbianchi.3

 

E ssan Marco4 hai da stà ssu li tu’ fianchi
si nun te vòi sdrajà ccom’un giudio:
e ssi la Messa dura assai, per bio,5
co sto tanto stà ssú, fijjo, te sscianchi.6

 

Però a ttutte le cose s’arimedia:
e cquanno te viè a ttufo7 de stà in piede,
c’è er chirichetto che tte la ssedia.

 

E accusí in de le cchiese oggi se vede
cuer che pprima vedevi a la commedia:
senza er cumquibbo8 nun te metti a ssede.

 

Roma, dicembre 1832

 




1 Il sedersi.

2 Convien dire che rincresca ecc.

3 Vacui.

4 Per forza.

5 Modo di giuramento elusorio della bestemmia.

6 Sciancarsi: ficcarsi le gambe, che il popolo chiama cianche.

7 Venire a noia.

8 Il cum-quibus, il denaro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License