Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

526. Li mozzorecchi1

 

Viè, si vvòi ride, viè cco mmé ddomani
drent’a Mmontescitorio2 ar tribbunale,
e vvederai da ccos’è un curiale,
spesciarmente de cuelli innoscenziani.3

 

Un coll’antro se de lo stivale,
se mózzicheno peggio de li cani:
ma ttutto resta llí; ché sti bbaccani
nun ppiú un cazzo poi ggiú pe le scale.

 

Li vedi allora annà ttutti a bbraccetto,
fascènnose strisciate e ccomprimenti;
e ggnisuno piú abbada a cquer c’ha ddetto.

 

E l’ingiurie ingozzate, e llaccidenti,
ppartitelle ariservate in petto
pe ppoi mettele in conto a li crïenti.

 

Roma, dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Mozzorecchi e mozzini diconsi in Roma i «legulei».

2 Palazzo di Giustizia civile.

3 Gli ascritti alla Curia Innocenziana sono i curiali dell’ordine infimo: più su sono i Rotali: in capo que’ di Collegio in numero di ventiquattro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License