Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

529. Er mese de Descemmre

 

Solo a llettre, a bbijjetti e a mmomoriali
c’ho da portà (e tte dono l’immasciate),
bbisogna ch’io me magni le mesate
tutt’a fforza de scarpe e dde stivali:

 

ché er mi’ padrone è uno de sti tali
c’assisteno er villano, er conte, er frate,
er vescovo, la monica, e l’abbate:
bbasta che ssiino gonzi provinciali.

 

Lui cià ttordi a ppelà dd’ogni paese;
e ttiè un libbraccio che jj’ha messo nome:
Libbro de conti de funzione e spese.

 

Pe ttutto l’anno nun te dico come
frutta la bbarca; ma ccom’è sto mese
li rigali cquaggiú vviengheno a ssome.

 

Roma, 2 dicembre 1832

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License