Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

530. La spezziaria

 

L’antranno er mi’ padrone lo spezziale
ebbe dar Brodomedico l’avviso
ch’er primo luneddí de carnovale
vierebbe a vvisitallo a l’improviso.

 

Allora lui, ch’è un omo puntuale,
empí ddubbocce o ttre ddacqua de riso:
e a mmé ttoccòna bbucataccia ar viso
a ttutti li bbarattoli e ar mortale.1

 

Ecco er dottore er luneddí a mmatina.
«Tutto in regola ggià...». «Ttutto», arispose
lo spezziale, «ecco cqua la su’ bbropina».2

 

«Bbravo! accusí mme piàsceno le cose».
E intanto s’acchiappò la su’ cartina,
la pesò ttra le mano, e l’aripose.

 

Roma, 2 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Mortaio.

2 Propina.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License