Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

532. Er regazzo1 ggeloso

 

E nnun t’abbasta, di’, bbrutta pe ttutto,
co cquelli ggiochi d’acqua in de la gola,2
de vedemme scquajjà ccome lo strutto
che sse mette d’intorno a una bbrasciola;

 

c’adesso me sce fai la bbannarola
che ssarivorta all’ummido e a l’asciutto?!
cche t’ho intesa io dajje parola
piano piano a l’orecchia a cquer frabbutto.3

 

Neghelo si lo pòi, neghelo, strega,
che jj’hai fatt’occhio de vienitte accanto...
Sentila, cristo mio!, nun me lo nega?!

 

Busciarda infame! ah nnun credevo tanto!
Va’, cche possi morí cchi ppiú tte prega.
Senti, sce creperò: puro4 te pianto.

 

Roma, 2 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Amante.

2 Scrofole.

3 Scellerato.

4 Purtuttavia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License