Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

533. Le donne de cquì

 

Nun ce ddonne de ggnisun paese
che ppòzzino stà appetto a le romane
ner confessasse tante vorte ar mese
e in ner potesse bbone cristiane.

 

Averanno er zuschizzo de puttane,
spianteranno er marito co le spese;
ma a ddivozzione poi, corpo d’un cane,
le vederaiggnisempre pe le cchiese.

 

Ar monno che jje dànno? la carnaccia
ch’è un zaccaccio de vermini; ma er core
tutto alla Cchiesa, e jje lo dico in faccia.

 

E ppe la santa Casa der Zignore
è ttanta la passione e la smaniaccia,
che cce vanno pe ffà ssino a l’amore.

 

Roma, 2 dicembre 1832 - Der medemo

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License