Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

536. Er peccato fiacco

 

Jjeri da bbon cristiano pascualino,1


pe ppaura de San Bartolomeo,2
m’annai a cconfessà da cuer cazzeo
de padre Bbonifazzio a Ssan Carlino.

 

Prima je disse che mme piasce er vino,
poi che ttiro un’ombretta ar culiseo;
e cquarche vvorta, pe mmutà un tantino,
de la riliggion der Manicheo.

 

M’accusai de superbia ar fin de tutto.
Er confessore cqua: «Ffijjo, sei ricco?».
E cqua io: «Padre no, ssò ssempre assciutto».

 

«Fijjo, cuann’è accusí, llassa , llassa»,
repricò er confessore: «io me scimpicco
si sto peccato tuo nun te se passa».

 

Roma, 2 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Aggiunto che si a coloro che confessansi una sola volta all’anno, nella ricorrenza della Resurrezione.

2 Fra i ponti Cestio e Fabricio, sull’isola Tiberina originata dalla sommersione dei manipoli di grano di Tarquinio il Superbo, è il tempio di S. Bartolommeo, nel di cui portico il giorno 25 agosto di ogni anno appendesi un cartello portante una cinquantina di nomi degl’infimi della città, che si suppone essere stati in Roma i soli non accostatisi alla Eucaristia nella Pasqua antecedente.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License