Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

540. L’editto de l’ostarie1

 

Accidenti a l’editti, a cchi l’inventa,
chi li fa, chi li stampa, chi l’attacca,
e cchi li legge. E a vvoi2 stantra patacca
schiccherata cor brodo de pulenta!

 

E addosso all’ostarie! ggente scontenta,
fijji de porche fijje d’una vacca!
Si all’ostariana purcia3 sce s’acciacca,
cqua ddiventa un miracolo diventa!

 

Papa Grigorio, di’ ar Governatore
che sto popolo tuo trasteverino
si pperde l’ostarie fa cquarcorrore.

 

Noi mànnesce4 a scannatte er giacubbino,
spènnesce5 ar prezzo che tte va ppiú a ccore,
ma gguai pe ccristo a cchi cce tocca er vino.

 

Roma, 3 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Editto restrittivo, pubblicato il 28 nov. 1832 da Monsignor Governatore pro tempore.

2 E dagli: e prendete su, ecc.

3 Pulce.

4 Mandaci.

5 Spendici.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License