Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

542. Certe condanne...

 

Tu cconoschi che ppecora è Ggiorgino,
e ssi è ffigura d’acciaccà un pidocchio:
ebbè, perch’era amico der facocchio
l’hanno fatto legà pe ggiacubbino.

 

Tutto pe cquella faccia d’assassino
pe cquella spia che lo tieneva d’occhio.
cche lo vojjo : Bbiascio Scazzocchio,
lui me l’ha ccaluggnato; e ccindovino.

 

annata inzino a bbuttamme pe tterra
davanti a Mmonziggnor Logotenente,1


pe rraccontajje chi mme fa sta guerra.

 

Sai c’arispose lui? «Via, nun è ggnente:
tratanto er fijjo tuo vadi in galerra,
ch’è ssempre in tempo a uscí cquanno è innoscente».

 

Roma, 3 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Luogotenente del Governatore-Direttor Generale di polizia di Roma.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License