Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

544. Er zussidio

 

Com’è ito a ffiní cquer momoriale
c’appresentai a la Bbonifiscenza?
È ffinito accusí, ch’er Cardinale
prima vorze1 sentí la Presidenza:2

 

eppoi, doppo tornato a SsuEminenza,
lo mannò a Mmonziggnore tal’e cquale,
scrivennosce accusí: «Pe sto Natale
venti pavoli all’urtima dispenza».

 

Monziggnore lo diede ar Deputato
co sto riscritto: «Signor Emme e Zzeta,
sto sussidio che cqui vvienghi pagato».

 

Ma cquanno agnedi3 a pprenne la moneta,
quer zor Emme me diede un colonnato,
e llantro je se perze tra le deta.

 

Roma, 3 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Volle.

2 Presidenza di polizia del rione.

3 Andai.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License