Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

545. L’uffisci

 

Nun c’è ppiú ccarità, ffijja, oggiggiorno:
ttutti orzi1 coll’anime de cani.
Come nun porti da dajje li spani2
tu ppòi morí che nun je preme un corno.

 

Sercio3 sta strada scento4 vorte ar giorno
inzinenta5 dall’arco de pantani:6
e lloro? ogg’e ddomani, ogg’e ddomani:
e io santa pascenza, e cciaritorno.7

 

Credi, si cce ssanti in Paradiso
j’ho rrotto li cojjoni uno per uno:8
ebbè? nun trovo mai ggnente indisciso!9

 

nun c’è udienza, nun c’è ggnisuno:
o è ppresto, o è ttardi: un po’ è ffarro, un po’ è riso,10
e io logro le scarpe e sto a ddiggiuno.

 

Roma, 3 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Orsi.

2 Spano, cioè: «il mangiare che si agl’impiegati, o per corromperli, o per farli rispettare il loro dovere».

3 Selcio, cioè: «batto, consumo».

4 Cento.

5 Sino.

6 Avanzo del Foro di Nerva.

7 Ci ritorno.

8 Li ho annoiati pregando ad uno ad uno.

9 Deciso.

10 Ora è una cosa, ora è l’altra.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License