Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

548. La galerra

 

Tutti addosso a sta povera galerra,
come si cchi cce va ccascassi er Monno!
Tutte ideacce storte, io te risponno;
perché ppuro1 llaggiù c’è ccelo e tterra.

 

Nun è ppiú mmejjo llà, cche stà in d’un fonno
de letto, o vvive matto, o mmorí in guerra?
Vedo che cchi n’uscí cce s’ariserra,
e nun è er primo casoer ziconno.

 

Eppoi, cuanno che mmai fussino vere
tutte ste tu’ storielle de malanni,
mentre invesce stacce un cavajjere;

 

caso er Governatore te condanni
puro(1)in vita, viè ffora er Tesoriere,
e ppe ffà ccolomia2 te scurta l’anni.3

 

Roma, 4 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Pure.

2 Economia.

3 Ti abbrevia il tempo della pena.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License