Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

549. Er fienarolo

 

, ssí, per dio! , ssí, per cristo santo!
tu l’hai rubbato er fieno a le bbarrozze.
Ma prega Iddio te sciaritrovi accanto
che ttarimanno co l’orecchie mozze.

 

Cos’è? cche ddichi? Oh Vvergine der Pianto!
Tu le ficozze1 a mmé?! ttu le ficozze?
Fa’ mmosca,2 fa’; ché ssi tte dài sto vanto,
tu, ggranelletto mio, m’inviti a nnozze.

 

Senti chi vvò rrugà! ssenti chi pparla!
La pietra de lo scannolo de Bborgo,
che ttutto cuer che ppesa è in de la sciarla!

 

Oh, ssai cuer che tte dico? Abbi ggiudizzio,
o a la prima che ffai, che mme n’accorgo,
gatto mio bbello, io te sce levo er vizzio.

 

Roma, 4 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Contusioni nel capo.

2 Taci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License