Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

550. Li viscinati

 

Me attaccato ar primo campanello
io, perché ar Monno nun ce ccojjoni.
«Chi è?» «Amisci». «Chi ssete?» «Amisci bboni».
«Chi vvolete?» «Er zor Giorgio Stennarello».

 

«Sto nome, uhm, qui nun ciàbbita,1 fratello».
«Ma mm’hanno detto a Strada Bborgognoni. .
«Starà in cuarcantro de stantri portoni...».
«Chi ssa? Mi’ mojje poterà ssapello».

 

«Nina!». «Ch’edè?» «Cqua un omo scerca un certo
Gior...». «Sta ar nummero diesci, a mmano dritta
su la svortata in cuer portone uperto.

 

Fatti otto capi, in faccia a ’na suffitta
bbussi ar batocco: e ssi nun c’è, de scerto
pranza dall’oste che sse chiama Titta».

 

Roma, 4 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Ci abita.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License