Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

554. Le vorpe

 

Ma cquante vorpe a cquelli tempi antichi!
Nun zenti che Ssanzone in un momento
agnede1 a ccaccia e nnacchiappò ttrescento
pe sparagnà er granaro a li nimmichi?

 

E mmó, si ttu nun cerchi e ffora e ddrento,
si nun giri, nun zudi, e nnun fatichi,
cosa te vòi pijjà? ppijji li fichi.2
Si ne trovi una te pòi ccontento.

 

Ma ss’a li tempi nostri nun ze trova
tante vorpe da fanne3 un battajjone,
sia ringrazziatIddio: crescheno l’ova.

 

Cosa è mmejjo? o una vorpa de Sanzone,
o una gallina che tte fa la cova?
Pijja la bbiocca4 si nnun zei cojjone.

 

Roma, 5 dicembre 1832

 




1 Andò.

2 I fichi stanno spesso per «nulla» nel linguaggio plebeo.

3 Farne.

4 Chioccia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License