Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

555. Er rifuggio

 

A le curte, te vòi sbrigà d’Aggnesa
senza er risico tuo? Bbe’, ttu pprocura
d’ammazzalla viscino a cquarche cchiesa:
poi scappa drento, e nnun avé ppavura.

 

In zarvo che tu ssei doppo l’impresa,
freghete der mannato de cattura;
ché a cchi tte facci l’ombra de l’offesa
una bbona scommunica è ssicura.

 

Lassa : staccheranno la liscenza:
ma ppe la grolia der timor de Ddio
c’è ssempre cuarche pprete che cce penza.

 

Tu nun ze’ un borzarolo né un giudio,
ma un cristiano c’ha pperzo la pascenza:
duncue, tu mmena, curri in chiesa, e addio.

 

Roma, 5 dicembre 1832 - Der medemo

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License